Domande e risposte

Se hai dei dubbi e vuoi farci delle domande scrivi a Dolcemamma, un´ostetrica è a tua disposizione!

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo indirizzo E-mail (richiesto)


La tua domanda

Scrivere le lettere qui sotto per convalidare l'invio della domanda

captcha



Inviando questo messaggio si autorizza l'uso dei dati personali in applicazione della legge sulla Privacy (L.13 675/03) - Leggi le note legali

Alimentazione artificiale (2)

Guarda tutte le domande →

Per la giusta scelta del latte artificiale è utile consultare il pediatra di fiducia il quale, sulla base delle condizioni di salute e gastriintestinali del bimbo le saprà fornire le giuste indicazini. Un caro saluto

Si certo, non bisogna somministrarlo freddo, al massimo tiepido.

Allattamento (27)

Guarda tutte le domande →

Purtroppo è un evento che capita molto frequentemente. L’unica cosa che ti posso consigliare è di assumere dei buoni integratori vitaminici, mangiare molta frutta e verdura e chiedere consiglio al tuo parrucchiere per utilizzare uno shampoo rinforzante. Se ti può rincuorare, quando finirai di allattare il capello sarà nuovamente forte e ne ricresceranno di nuovi, non resterai calva, fidati!!!

No, purtroppo le vecchie credenze popolari sono rimaste tali: a livello scientifico nessun alimento o bevanda aumenta la produzione del latte. Solo una buona suzione e un attacco a richiesta del bambino la incrementa.

Ha ragione, è normale che il latte faccia “fiorire” la tua bambina di puntini rossi. Ma se tu hai notato che con alcuni cibi spuntano più facilmente dei puntini…cerca di non mangiare più quelle sostanze!! Non ti preoccupare, non le fanno male e non le danno fastidio, è solo una questione di estetica.

Conservazione staminali (5)

Guarda tutte le domande →

Buongiorno, delle staminali da sangue di cordone ci siamo interessati molto anche noi di Dolcemamma e gli articoli sul tema non mancano. Il tuo caso rientrerebbe in quella che si chiama “donazione autologa dedicata”; in pratica, le famiglie che potrebbe aver bisogno di utilizzare le cellule staminali del bambino per una terapia riconosciuta dalla regolamentazione italiana possono richiedere di conservarle gratuitamente nelle strutture pubbliche. I criteri sono abbastanza selettivi e quindi non tutte le richieste vengono accolte, deve identificare la banca pubblica di riferimento per la sua regione. Altrimenti, molte famiglie che si trovano nella sua situazione scelgono di conservarle privatamente. Un saluto

Il tutto è legato al discorso della è pulsazione del cordone, ma si è visto che un’attesa fino a 2 minuti dopo la nascita non va ad inficiare un buon prelievo di cellule staminali dal cordone ombelicale.

Le cellule staminali sono cellule progenitrici presenti in tutti i tessuti umani (muscoli, ossa, midollo spinale), non ancora “specializzate” in una determinata funzione. La ricerca medica le sta analizzando per individuare loro potenziali applicazioni terapeutiche per la cura di alcune malattie

Curiosità (64)

Guarda tutte le domande →

Assolutamente no, l’episiotomia (ovvero quel piccolo taglietto praticato dall’ostetrica durante il parto sui muscoli perineali per accelerare la nascita) non è una pratica che obbligatoriamente deve esser ripetuta. Infatti, è giustificata la sua esecuzione solo nel caso in cui la nascita debba essere velocizzata per motivi di benessere fetale. Quindi non è strettamente obbligatorio che tu la subisca nuovamente.

Buongiorno, una probabilità precisa non si può stabilire… Certo la famigliarità, per quel che riguarda le gravidanza gemellari, incide; però non è possibile dare una percentuale di rischio/probabilità precisa. Un caro saluto

Non esiste un’univa teoria ma mille teorie discordanti. Dal cosleeping al “subito solo”.

Ogni caso va valutato e la soluzione sta nel trovare ciò che fa stare bene il bambino e la sua famiglia.

Non sono vizi il dormire insieme ma dimostrazioni e richieste d’amore e di attenzione.

Esami da fare (36)

Guarda tutte le domande →

Prendi tutti i farmaci che hai assunto e vai a fare il primo controllo dal ginecologo o al consultorio: il medico valuterà se i farmaci che hai assunto in questo primo periodo di gravidanza possono aver dato problemi al bambino o meno. Non aspettare molto però…

Il test di O Sullivan è la somministrazione di 50 grammi di glucosio e la successiva determinazione del valore della glicemia dopo un’ora. Questo eraq considerato un test di screening per il diabete gestazionale e, come tale, doveva essere eseguito a tappeto a tutte le gravide alla 25°settimana. Sono cambiate le linee guida: se una donna presenta fattori di rischio, esegue una somministrazione di 75 grammi di glucosio e una serie di prelievi seriati a digiuno, dopo un’ora e dopo 2 alla 16° settimana e poi alla 24°. Se una donna gravida non presenta alcun fattore di rischio per il diabete, allora non esegue nessun test di O Sullivan ed è sufficiente la determinazione di una glicemia a digiuno come controllo.

Mese per mese (67)

Guarda tutte le domande →

Si, purtroppo è statisticamente provato che la percentuale di avere un figlio allergico da 2 genitori allergici è tra il 70 – 80%. Sarebbe importante riuscisse allattarlo lei il più a lungo possibile per un maggior apporto di anticorpi. Se non riuscisse, si ricordi di dire al suo pediatra delle vostre poliallergie e sarà lui stesso a darvi un latte particolare. Nello svezzamento, introdurrà un cibo alla volta e lascerà intercorrere molto tempo tra 2 alimenti diversi. In casa cerchi di utilizzare prodotti per la pulizia naturali, con poche sostanze chimiche raffinate, arieggi molto gli ambienti per evitare inquinamento domestico, riduca l’utilizzo di tappeti o tendoni, lavi i vestitini del bebé con prodotti delicati adatti a pelli sensibili, senza troppi disinfettanti o additivi.

Cara Alessandra.
Se il bambino è allattato al seno il suo patrimonio immunologico è garantito dagli anticorpi materni. Altrimenti è una tabula rasa.
Le malattie infettive nei piccolissimi non sono da sottovalutare in quanto vanno rapidamente in contro a complicanze. Il pediatra di fiducia ha il compito di prevenire queste complicanze.

Un caro saluto!

 

 

Parto (42)

Guarda tutte le domande →

Ogni donna trova la sua posizione e ogni posizione ha i suoi pro e i suoi contro per ogni donna. Fatti consigliare dall’ostetrica che ti segue durante il travaglio o magari sarà lei stessa, osservandoti appunto nei tuoi atteggiamenti del travaglio, a consigliarti una posizione piuttosto che un’altra.

Carissima in merito alle perdite di muco denso può essere normale ma un controllo dal ginecologo lo farei. In merito al parto cesareo dipende sempre dal suo ginecologo e dalle motivazioni per cui le hanno fatto il cesareo nella gravidanza precedente. MI raccomando non dimentichi di conservare le cellule staminali contenute nel sangue cordonale del suo cucciolo. Oggi molto importanti per la cura di molte patologie legate al sangue. http://www.inscientiafides.com/cellule_staminali.html un abbraccio e mi faccia sapere luana

Una varia alimentazione, un buon riposo ogni volta che il bimbo dorme, belle passeggiate all’aria aperta per distrarre e rigenerare la mente e tanto tanto aiuto nelle faccende domestiche.

Stile di vita in gravidanza (53)

Guarda tutte le domande →

Nuoto è il migliore sport che si possa fare in gravidanza. Se non si sa nuotare delle lunghe passeggiate.

lunghe camminate nelle ore più fresche della giornata e un pò di nuoto! nelle ore più calde casa e aria condizionata! abbraccio e fammi sapere PS non ti dimenticare del sangue cordonale del tuo piccolo mi raccomando, se lo desideri ti posso inviare un libro gratuito che ti spiega la grande importanza delle cellule staminali

Non si dovrebbero superare i 10/12 kg. Naturalmente è un dato da calare al contesto: una donna che parte sottopeso può incrementare anche a 15/18 kg. Chi in sovrappeso dovrebbe limitare il suo incremento a 4/5 kg.

Compila il modulo e ricevi gratuitamente il libro Gravidanza in Pillole!

Nome e cognome

Email

Telefono

Continua

Inviando il modulo autorizzi il trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'art. 13, D.Lgs. 23.06.2003 n. 196